Studio dell’Università di Pavia sugli effetti di Cordyceps e Ganoderma sugli sportivi

Tra gli studi effettuati in merito è di particolare interesse quello a doppio cieco recentemente effettuato presso l’Università di Pavia su un gruppo di ciclisti non professionisti.

Lo studio è sicuramente interessante per quanto riguarda la possibile applicazione del Cordyceps sinensis abbinato al Ganoderma lucidum in campo sportivo, sebbene sia chiaro che rappresenti uno studio pilota in attesa di un’analisi più approfondita su di una popolazione più vasta e che soprattutto prenda in considerazione la frazione di testosterone che realmente incide sulla variazione delle performance sportive.

Le variazioni dei livelli di testosterone totale nei ciclisti presi in esame sono tuttavia molto marcate e questo denota che la supplementazione sportiva di Cordyceps e Ganoderma produce degli effetti notevoli sul metabolismo degli atleti con un innalzamento considerevole del testosterone totale pre e post gara. Nessuno studio ha mai evidenziato una relazione diretta e proporzionale tra il testosterone totale e quello libero ma è sicuramente lecito supporre che a fronte di un innalzamento così grande del primo possa conseguire un seppur minimo aumento dei livelli del secondo.

D’altra parte stiamo parlando di valori percentuale molto bassi per quanto riguarda il livello di testosterone libero presente normalmente nel corpo umano (1 – 3%) per cui un aumento di anche solo qualche decimo o centesimo di unità percentuale significherebbe in realtà una grande incidenza nelle performance sportive e non solo!

Infatti il testosterone è anche adibito al mantenimento della libido, favorisce la produzione di spermatozoi e migliora la circolazione peniena facilitando l’erezione. Un’insufficienza dei livelli di testosterone può causare disfunzione erettile, diminuzione della libido, diminuzione del numero di erezioni, erezioni deboli, riduzione dell’attività sessuale ma anche aumento degli accumuli di grasso, affaticamento, perdita di massa muscolare e depressione!

Oltre a quanto detto sul testosterone, lo studio presenta delle conclusioni molto interessanti per quanto riguarda il cortisolo.

L’abbassamento dei livelli di cortisolo è infatti molto significativo e rappresenta quindi un risultato importante. Da notare che l’integrazione fungina produce effetti molto interessanti anche nella condizione pre-gara e dopo un solo mese di supplementazione.

Questo porta a considerare che Cordyceps e Ganoderma possano essere ottimi supplementi per contrastare gli effetti dello stress fisico e mentale quotidiano oltre che di quello dovuto a sforzo sportivo e sovrallenamento. Il cortisolo è infatti chiamato l’ormone dello stress perché prodotto maggiormente in condizioni di stress psico-fisico intenso con il compito di inibire le funzioni corporee non indispensabili nel breve periodo ma l’eccesso di questo ormone può provocare problematiche anche serie come infiammazioni, osteoporosi, aumento della glicemia e della gittata cardiaca. Riuscire a controllare l’eccessiva secrezione di cortisolo è quindi fondamentale per ridurre gli effetti negativi dello stress sul lungo periodo, senza contare i benefici in termini di costruzione di massa magra e diminuzione dell’accumulo di grasso per atleti e sportivi.

In conclusione, da quanto si è visto finora, emerge che l’integrazione di Cordyceps e Ganoderma  possa rappresentare un efficace supplemento per lo sport  ma anche un valido rimedio per contrastare gli effetti negativi dello stress e per i casi di deficit sessuale dovuti a carenza di testosterone.

Queste informazioni fornite sono tratte da pubblicazioni scientifiche internazionali a scopo solamente informativo e non possono sostituire il parere e la diagnosi del medico.

Clicca qui per il link allo studio:
Studio-cordycepsreishi_Univ.Pavia_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *