Ganoderma e Colesterolo

Conosciuto in Asia, e ormai anche nel resto del Mondo, il Ganoderma Lucidum, conosciuto anche con il nome di Reishi, ha straordinarie proprietà immunomodulanti e antiaggreganti, ma possiede anche un notevole effetto ipocolesterolemizzante tramite la riduzione della sintesi epatica dello stesso, la riduzione del livello di trigliceridi e l’aumento dei livelli della lipoproteina HDL.

Le sue principali azioni sull’organismo umano sono dovute alla presenza di particolari zuccheri complessi, i polisaccaridi, che hanno come peculiarità la capacità di modulare il sistema immunitario e svolgere diverse altre funzioni che permettono il mantenimento di uno stato di omeostasi del corpo. I betaglucani, in particolare, hanno una spiccata tendenza a regolare l’attività immunitaria e permetterne una risposta efficace qualora vi sia l’aggressione di agenti patogeni esterni o vi siano neoformazioni tumorali.

C’è, però, un interessante effetto benefico che questi straordinari microorganismi riescono ad espletare e che sempre più sta suscitando l’interesso del campo medico: l’azione ipocolesterolemizzante.

I betaglucani sopracitati, oltre ad avere una forte azione immunomodulante, sono in grado di ridurre i livelli di colesterolo dell’organismo tramite la riduzione dell’assorbimento intestinale di colesterolo e degli acidi biliari (i betaglucani si legano a colesterolo e agli acidi biliari impedendone o rendendo assai difficoltoso il loro assorbimento) e riducendo la sintesi di colesterolo nel fegato e favorendo la produzione di acidi biliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *